Ignorante con Stile
Ironia: vaccino senza controindicazioni

Cos’è che proprio non sopporto dei vegani


I vegani hanno rinunciato a ogni forma di promozione dello sfruttamento e delle violenze sugli animali, con scelte di vita “senza se e senza ma”.

Simili a loro immagino siano i credenti, che si battono anima e corpo contro tutto ciò che danneggia i propri fratelli indifesi e svantaggiati.

I primi sono spinti dall’amore per gli animali, i secondi dalla carità cristiana.

I vegani dunque antepongono un secco, inappellabile, perentorio rifiuto della carne macellata; dei derivati come il latte, il burro o lo strutto; dei prodotti di origine animale adoperati nella cosmetica o nella farmaceutica, e pure tutto ciò che concerne la sperimentazione in laboratorio; l’abbigliamento e l’arredamento con pellame.

Ovviamente condannano le attività venatorie come caccia e pesca, nonché gli allevamenti a scopo produttivo.

Nessun rammarico se questa scelta – qualora avesse una diffusione planetaria e capillare – portasse alla perdita di un numero sterminato di posti di lavoro e alla chiusura definitiva di industrie, di centri di produzione e dello svariato indotto legato al commercio degli e sugli animali.

Per capirci: se lo stesso ardore e la medesima intransigenza fossero altrettanto perseguiti dai milioni di pacifisti che rasserenano il pianeta proclamando a gran voce sulle piazze e nei cortei la non violenza, non esisterebbero più l’industria bellica e le forniture di armi.

Un gran numero di vegani vive connesso a una rete di sodali intensa e molto organizzata, che consente loro di scambiarsi pareri, di esplicare dell’attivismo e del proselitismo, di organizzare eventi pubblici, flash mob, convegni.

Ad osservarli dall’esterno, con uno sguardo superficiale, li si potrebbe confondere con una setta, con adepti pronti a lordarsi di sangue sulla pubblica via per impressionare i passanti; intenti a smuovere cuori di pietra mostrando la crudeltà e le efferatezze dell’uomo sulle vittime animali indifese e inermi; infiammati dal sacro ardore per la propria missione.

ve

Ma a smarcarli dall’etichetta settaria è la preparazione approfondita degli argomenti, costantemente aggiornata, molto spesso attinta da una bibliografia anglofona.

Non basta dunque spostare la discussione per metterli in difficoltà, come accade con i divulgatori della Bibbia in strada, perché loro citano dati, statistiche, dossier. Non che non siano opinabili, ma occorre una paritaria conoscenza del settore per controbatterli.

Cosa si ha da spartire con i vegani?

Con alcuni vegani è accaduto di confrontarmi.

Dialoghi non sempre facili.

È il rischio che si corre interagendo con chi crede talmente in ciò che fa da perdere di vista il rispetto per le posizioni altrui. Talvolta capita. È umano.

Nessuno – penso – ha comunque la verità in tasca, almeno di ritenere la propria indiscutibile a priori.

Ne siamo usciti con posizioni inconciliabili.

O meglio: tanto vale dire come stanno le cose quando dibatto con i vegani che conosco.

È aberrante uccidere esseri viventi privi di una possibilità di difesa; lo stesso costringerli a vivere in condizioni di sfruttamento intensivo al solo scopro di lucro; com’è altresì edonistico mangiarne carne quando la società moderna potrebbe offrire valide alternative.

vegani

Sono d’accordo.

Eppure mi annovero tra coloro che fanno uso degli animali a scopo alimentare.

A ben poco serve giustificarmi con la morigeratezza: apprezzo lo stufato, gli insaccati e i formaggi, soprattutto stagionati.

E mi riesce arduo immaginare una dieta che contempli solo vegetali e derivati organici non da animali. Proprio non ce la faccio.

Ecco perché ce l’ho con i vegani

I vegani li reputo moralmente corretti.

Le loro scelte sono uno schiaffo alla mia inettitudine, asservita all’abitudinarietà, che si compiace del piacere per la buona tavola pur sapendo di sbagliare.

Tanto quanto il mio viscerale attaccamento all’esistenza contrasta con il pluridecennale vizio del fumo.

La volontà di cambiare comportamento per essere un uomo migliore, più rispettoso degli altri esseri viventi, soccombe di fronte alle debolezze della gola e all’onere di condurre uno stile di vita maggiormente gravoso.

I vegani smascherano la mia inconcludenza.

Ovvio che non li possa sopportare.

vegani

____________________

 

Un ringraziamento particolare per la concessione all’uso delle sue immagini va a Matteo Rastelli , infaticabile attivista che, tra l’altro, gestisce il Progetto Scuole Vegane e PartyVegan.