Ignorante con Stile
Ironia: vaccino senza controindicazioni

articolo

Di articolo in articolo siamo al 17 maggio


Non avrei mai immaginato d’imparare tanto sull’animo umano aprendo un blog, sebbene defilato e senza pretese.

Quando decisi di scriverci sopra presagivo che sarebbe stata un’esperienza liberatoria e gratificante – lo è in effetti –, anche utile per ordinare certi pensieri che s’incagliano nella mente come pesci in una rete.

Poi lo spazio virtuale ha investito la vita quotidiana tanto da tessere rapporti umani, veicolare idee ed emozioni, far nascere amicizie nuove e dare inizio a progetti.

Un esempio: l’articolo precedente

L’articolo nasceva da una semplice domanda; ne seguivano risposte; informava dell’inaugurazione di una mostra. Poteva finire lì. Invece ha proseguito una vita sua, quasi per conto proprio, generando altre dinamiche.

Mi è dunque accaduto d’essere fermato da una lettrice. Grazie al quesito abbiamo intavolato una riflessione più articolata.

E così si constata quanto ci sarebbe da dire, da sviscerare, da far venire fuori per il piacere di un confronto. Troppo spesso però mancano le occasioni per concretizzarlo.

Capita per casualità, sul ciglio di una strada, ma gratifica lo stesso.

Ci fa sentire esseri pensanti e pulsanti: impagabile!

È successo anche di trattare dell’articolo con una ragazza, lesbica attivista, a viva voce. Lei sosteneva che la domanda fosse scontata e che le risposte, di conseguenza, rispecchiassero lo stesso spirito.

In parte m’ha ricordato quei politici che travisano la realtà perché sono circondati da chi racconta loro soltanto ciò che gradiscono sentirsi dire. Il politico finisce con illudersi che la società sia prospera e felice, perché nessuno oserebbe aprirgli gli occhi. Talune persone, se si rinchiudono in una cerchia selezionata e protettiva, potrebbero correre lo stesso rischio.

Infine ho avuto l’occasione di confrontarmi con amici che ancora non l’avevano letto. Uno di questi, dopo averlo fatto, tra i vari pensieri lasciatemi ha scritto:

«… credo che la potenza della tua domanda stia proprio nella sua banalità. Inutile parlare di massimi sistemi quando “apparentemente” manca una base solida… se dovessi parlare di percentuali, il 99% delle persone con cui ho fatto direttamente coming out non mi ha fatto minimamente pesare un’ipotetica “differenza” tra me e loro… l’1% sono i miei genitori…».

Infine ha chiosato:

«… Il problema è che i lumi non si parlano l’un con l’altro».

Perché ho ripreso il tema già dell’articolo prima?

Il 17 maggio è la giornata internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia.

Significa che al mondo, alla domanda su come reagiresti davanti a una dichiarazione di omosessualità, esistono ancora genitori, fratelli, sorelle, amici, conoscenti, sconosciuti, figli di quella madre sempre incinta, ecc. ecc. che la prendono male. Talvolta arrivano a uccidere.

Non soltanto per la dichiarazione: spesso basta soltanto esistere, senza nemmeno entrare nella vita altrui. Manco in punta di piedi.

Si cammina per strada e si ricevono botte da orbi, per il gusto di ridurre a pezzi il/ i malcapitato/i, rei di essere “diversi” per i loro parametri di “normalità”.

Ed ecco che un amico gay – Marco Caglieri – un bravissimo artista, mi ha donato l’immagine per questo articolo preparata apposta per “I colori dell’amore”.

Eloquente, luminosa, delicata.

Mentre la scarico sul pc e la inserisco nell’articolo penso che potrebbero esserci persone a cui darà fastidio vederla.

Illudersi che non sia così è come nascondere la testa sotto la sabbia o fantasticare che il progresso oppure la pace universale abbiano permeato menti e cuori di tutti.

Ci sembra assurdo ma al momento, per quanto triste, è realtà: quella monocolore – spesso nera – alla quale noialtri preferiamo il variegato cromatismo dell’arcobaleno.

Che poi sia disegnato oppure dipinto; ad acquarello oppure con pastelli, pennarelli o pennelli, con acrilici o ad olio… beh, ciascuno avrà le sue inclinazioni, gusti, passioni e preferenze, vivaddio!

articolo

Marco Caglieri, alias ReiX (Bonsaikun)

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: