Ignorante con Stile
La realtà non supera la fantasia. Quasi mai, perlomeno.

Di tutta l’erba un fascio


Fascio d'erba

Mi è capitato di vedere – come tanti, visto che dal Corriere della Sera è definito “virale”- il video che trasmette lo stralcio di una lezione dello studioso Bandar al-Khaibari, nella quale egli sostiene che la Terra sia ferma. Comprensibilmente i commenti si sprecano. A me soprattutto ha commosso constatare quanti, tra coloro che mi onorano della loro amicizia virtuale, siano dotti e eruditi: c’è chi commenta piccato; chi s’indigna stracciandosi le vesti; chi sentenzia con piglio accademico; chi la butta sul ridere. Tutti emuli dell’eliocentrismo. Ho trovato interessante che il quotidiano abbia intitolato la notizia “Il teologo dell’Islam contro Galilei: «La Terra è ferma»”. Mi chiedo se fosse stata presentata come “Teologo dell’Islam riabilita il sistema tolemaico”, oppure “sostiene la teoria geocentrica”. Ehhh, piace vincere facile, perché in questo modo si chiama a raccolta il patriottismo del Vecchio Continente, e l’italico in particolare. Si fa leva sull’innato amore per la cultura e la conoscenza che ci rende unici al mondo.

Non giustifico di certo le fanfaluche del video: sono indubitabilmente assurde. Lo sappiamo bene perché ce lo dice la Scienza e l’abbiamo studiato tra i banchi di scuola: chi non si ricorda l’abiura di Galileo? Va alla pari con la scoperta dell’America e… che altro? La mela di Newton! Ciò che mi lascia perplesso è constatare l’entusiasmo collettivo nello sbugiardare la sparata, quando ancora nel corrente anno di grazia 2015 un numero considerevole dei medesimi occidentali non si fa remore a credere – non di certo perché lo attesta la Scienza, anzi – che in un’ostia di farina s’incarni nientemeno che Dio, il quale poi si fa mangiare dai suoi fedeli; che ciascun uomo suo ministro possa assolvere da qualsivoglia colpa chiunque, se contrito; che dopo la morte, in un futuro indefinito, ognuno di noi si riprenderà il proprio corpo: vale per tutti, proprio tutti quanti coloro che hanno calcato il suolo terreste dalla creazione dell’Eden fino al Giudizio Universale che verrà… poi i giusti al banchetto eterno e gli empi giù, a bruciare per l’eternità; e via dicendo, ché non si finirebbe più di fare elenchi. Ben inteso: ciascuno può credere ciò che meglio gli aggrada, se la cosa lo fa star bene, ma parimenti penso di poter legittimamente ritenere più risibile fondare tutta la propria esistenza su credenze non dimostrabili scientificamente – rispettabili per fede, ci mancherebbe – che sostenere un’assurdità ormai smentita da secoli grazie al sapere scientifico e alla ricerca sperimentale. Mi riesce difficile non immaginare che la risposta al successo “virale” del video si fondi su altro. Ovvero, che ad essere preso in castagna – come presentato ad arte dal Corriere – sia un teologo musulmano, e pertanto il suo esempio calzi a pennello per avvalorare e diffondere l’idea che sono tutti della medesima risma.

Un po’ come è accaduto dopo le tragiche vicende a Parigi. Estremisti islamici fanno una strage: ebbene… tutti i seguaci dell’Islam prima o poi li emuleranno.

A smentire le facili generalizzazioni c’è un contributo davvero molto interessante, la cui lettura mi è stata suggerita da un caro amico. Vale la pena anche perché all’interno fornisce ulteriori approfondimenti. Va detto che è utile se si decide di usare la propria testa. Al contrario sarebbe una perdita di tempo cliccare sul link, se si preferisce la scorciatoia del qualunquismo.

http://www.conexion-to.it/index.php?option=com_content&view=article&id=849%3Ama-cosa-avete-combinato&catid=39%3Asocieta

L’autore dell’articolo, per inciso, è un giovane ragazzo di origine somala, approdato in Italia su un barcone anni fa. Un tipo eccentrico perché al posto di delinquere come fanno tutti o di tentare di portarci via il lavoro – almeno stando ai luoghi comuni – si è messo a servizio della collettività, tanto che è diventato cittadino onorario di Settimo Torinese (Torino). Se vi prende la smania di curiosare un po’ per capire se ci assomiglia o se invece abbia le antenne e la coda:

cfr.  https://www.youtube.com/watch?v=azKM2nULId8

L'immagine è di Daniel Ridgway Knight, Maria sulla terrazza con un fascio d'erba, (particolare).
Ti è piaciuto l'articolo? Puoi condividerlo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: