Ignorante con Stile
Ironia: vaccino senza controindicazioni

Niente Via Almirante, niente postini obiettori


Via Renzi: l’abbiamo sentito dire fino a qualche mese fa. A torto o a ragione, c’era chi lo gridava a squarciagola. Nessuna allusione toponomastica, però. A questa invece i nostalgici ci pensavano ipotizzando una Via Almirante nella capitale.

Una targa senza punto esclamativo in chiusura, immagino.  Non ho idea dove di preciso, ma ho desistito dall’appurare tanto è stata cassata dalla sindaca.

Ennesimo tentativo andato a vuoto, per ora.

Un falso allarme. O un’effimera speranza. Dipende dai punti di vista.

La proposta mi ricorda i rivoluzionari francesi, che per sottolineare quanto fosse cambiata l’aria scalpellavano gli stemmi sui palazzi nobiliari. O coloro che tiravano giù statue di politici ormai invisi al popolo. L’importante era ed è stabilire chi comanda: damnatio memoriae o recupero dal passato.

Farla al buio o accendere la luce dello specchio. Condividi il Tweet

I ritorni inattesi: una via con nuove aspettative

Intitolazioni a parte, ci sarà ancora da aspettare un poco ma non è detto che dall’Oltretevere, grazie ai progressi della scienza, tra qualche anno non riporteranno in vita qualche papa al momento imbalsamato.

A seconda del contesto ambientale ci potremmo ritrovare un conservatore o un progressista: di questi tempi vedrei a proprio agio un Pio V. Il che non significa esultare di pazza gioia per la prospettiva.

Alle destre tocca accontentarsi di proporre una targa all’angolo di una Via: d’imbalsamato avranno al più qualche pernice e delle volpi.

Appeso in giù stagiona come si deve solo il salame.

Quella su Almirante è una pessima idea: c’è ancora in giro chi coltiva la memoria; soltanto perché costoro non riempiono le bacheche di fake new non significa che abbiamo rinunciato a pensare!

Leggono, s’informano, riflettono.

Via di salvezza: leggere

Va bene che adesso aleggia un certo venticello revanscista, acre e ammorbante, però – suvvia – non tutto e subito: abituateci poco alla volta, altrimenti il passo dal sostituire l’olio di palma con quello di ricino sarà troppo breve.

Via via. Vieni via di qui. Niente più ti lega a questi luoghi

Canta Conte, ma non il Presidente del Consiglio: lui resta eccome.

La tentazione di prender per buono quanto dice il cantautore sarebbe forte, ma finché si riuscirà a far due passi nelle proprie città senza svoltare in una Via dal nome infelicemente evocativo si può cercare di restare.

Ammetto che sia una visione egoistica: chi soffre di stitichezza potrebbe asserire che una Via Almirante sarebbe di grande aiuto, alla bisogna.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: