Ignorante con Stile
La realtà non supera la fantasia. Quasi mai, perlomeno.

Scienza delle soluzioni immaginarie


11742818_938652739509632_819363119034668442_n

Il diluvio universale, le piaghe sull’Egitto e la caduta di Gerico a suon di trombe sono accadute una volta sola, stando alle Scritture, perché troppo eclatanti per ripetersi. Vero è, secondo un sempre più diffuso parere – almeno tra i miei amici – che Salvini potrebbe essere l’incarnazione di tutte e tre: un diluvio di sparate che nessun’arca riuscirebbe ad arginare; una piaga ben più funesta delle bibliche; un distruggere i gioielli di famiglia a ogni fiato emanato dal suo viride petto… ma ciò nonostante resta un’imitazione, con il peso che vale. Invece c’è un evento che ogni anno continua a ripetersi, in barba alla crisi; all’endemica difficoltà di trovare fondi [vd. nota a pié di pagina]; ai giovani che non si drogano come dovrebbero o non sono abbastanza connessi con il virtuale cioè 24 ore su 24: è il Campeggio Resistente a Valloriate. Con una cadenza fissa da far impallidire le epidemie programmate a livello ciclico. In grado addirittura di manipolare il meteo per assicurare i partecipanti che in quei giorni a Valloriate la temperatura passerà dai 28 ai 16 gradi, ovvero fresco garantito in opposizione alla canicola che viviamo quaggiù. Messaggio subliminale per i riottosi.

Ne scrivo senza essere stato richiesto da alcuno: lo faccio perché provo lo stesso sottile piacere di chi abusa del diritto di ospite in casa altrui per domandare un posacenere là dove i padroni non sono tabagisti.

Le giornate sono suddivise – se ho ben capito – in sezioni tematiche, con un occhio di riguardo ai cinefili, senza escludere ovviamente gli altri, ma è risaputo che gli appassionati di cinema sono una lobby di nicchia esigente e acculturata – giovani di buona famiglia che hanno tempo da vendere – che s’ambienta molto bene tra i pascoli alpini.

La prima giornata verterà sulla fantascienza, ovvero sul mondo del lavoro, le sue problematicità e le innumerevoli opportunità. Con in coda un accenno al genere horror misto all’occulto: si discuterà infatti del Jobs Act. La successiva invece sarà un omaggio all’Istituto Luce, improntata sul documentaristico, in particolare allorché verrà illustrata la situazione in Ucraina. La terza contemplerà un viaggio nello scaramantico, per cui è consigliabile portarsi ferri di cavallo, amuleti, cornetti rossi e ogni aggeggio utile ad allontanare la iella. Si discuterà infatti di Grecia ma altresì di migranti, di viaggi e di accoglienza. Insomma, le classiche situazioni che compiangiamo perché non ci toccano dal vivo – almeno al momento – ma che potrebbero prima o poi far parte del nostro vissuto, e allora sarà tutta un’altra faccenda.

Nel dopo cena concerti ogni sera, con birre artigianali e socializzazione all’aria aperta. Ciascuno valuti in proprio se gli incontri diurni siano un alibi per nobilitare il divertimento notturno o se, viceversa, ciò che seguirà con il calar del sole e il sorgere di un cielo stellato mozzafiato serva ad irretare i partecipanti alle riunioni del giorno a venire. Mi risulta però che a Valloriate non sia contemplata vendite di pentolame o di enciclopedie a fascicoli, anzi… tutto gratuito, posto per campeggiare incluso.

La partecipazione, sono certo, è aperta a tutti, senza distinzione di provenienza, sesso, etnia, religione, età; perlomeno non ho trovato postille, note o clausole specificatorie, neppure scritte in piccolo, in fondo. So che è garantito l’accesso ai parcheggi però non ho visto specificata l’area per le ruspe. Potrebbe essermi sfuggita o la daranno per scontata, ma preferisco evitare di non trovare posto… quindi salirò in Vespa.

Dettagli sul programma al sito:

http://www.campeggioresistente.com/


 

È possibile compartecipare al sostegno economico dell’iniziativa, anche con poco:

«…Ne abbiamo grande necessità perchè quest’anno sono venuti a mancare i principali finanziamenti istituzionali. Per un attimo abbiamo pensato di non farlo. L’attimo dopo abbiamo detto “col cazzo”. Siamo all’ottava edizione, fermarci non avrebbe avuto senso»

https://www.produzionidalbasso.com/project/campeggio-resistente-2015-1/

 

L’immagine è tratta dalla pagina fb del Campeggio Resistente; qualora leda il diritto d’Autore o non la si ritenga pertinente all’articolo il titolare del presente blog provvederà alla sua immediata rimozione, su segnalazione della parte interessata tramite commento o via mail. 
Ti è piaciuto l'articolo? Puoi condividerlo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: