Ignorante con Stile
Ironia: vaccino senza controindicazioni

Tentazioni: dal deserto al web. Il diavolo s’adegua.


mperzouga-desert-camp

Oggi è la prima domenica di quaresima e nelle chiese si è letto il Vangelo riguardante le tentazioni del Diavolo a Gesù, nel deserto. Era servito dagli angeli e conviveva con le bestie selvatiche. Comprendo che il brano sia piuttosto stringato perché non c’erano testimoni a fare da biografi. Immagino che dopo ben quaranta giorni di penitenza, importunato da Satanasso, appena rientrato tra i mortali gli apostoli lo abbiano sommerso di domande. Non mi stupisco se avesse loro risposto che laggiù non c’erano né cagnolini né gattini: era stato nel deserto mica su fb! Lì solo bestiacce non addomesticate. Però almeno i servizi basilari erano espletati dagli angeli. Questione di rango. Loro avranno insistito chiedendo come avesse passato il tempo, e lui avrà tagliato corto: “c’era Lucifero, mi tentava”. Chissà… avranno concluso con “ahhhhhhh” per dare ad intendere di essere soddisfatti della risposta, intanto di più non ne avrebbero cavato. Ecco il perché della concisione per i posteri. D’altronde bisogna mettersi nei panni di chi se ne sta isolato così a lungo: quando ritorna nel mondo… insomma, un minimo provato è logico esserlo. Oggi forse avrebbe aggiunto: «ora a vado a farmi una doccia, perché è parecchio che non mi lavo; poi tutti in mezzo alla folla, ché ho bisogno di veder gente», ricevendo un plauso d’incoraggiamento, sia per la rinfrescata sia per la serata in società. Non ho però intenzione di fare l’esegeta, ché il termine sa di criptico e necessita di studi profondissimi che non potrei mai permettermi, con quel che costa l’università di questi tempi. Piuttosto l’episodio mi ha fatto venire in mente che ad inizio mese in Sicilia c’è stata una riunione di esorcisti. Il fior fiore dei sacerdoti capaci di affrontare Belzebù. Coloro insomma che ci consentono di dormire notti tranquille perché garantiscono di intervenire contro le legioni infernali. Non siamo loro mai abbastanza riconoscenti. Poco o nulla si sa dell’incontro*. Non potrebbe essere diversamente, altrimenti il Diavolo, se venisse a conoscenza delle nuove strategie di combattimento, si adeguerebbe subito. Pare però, stando all’articolo de “Il Corriere della Sera” – il quale, per inciso, non è mica Lercio! – che sia ormai assodato il ruolo del Principe delle Tenebre su internet. Oh. Pure lì! Davvero sorprendente la capacità di adeguarsi alle nuove tecnologie. Ora mi è chiaro lo sprezzo di chi non ha dimestichezza con gli strumenti per navigare, quando impreca: «sono tutte diavolerie!». Soprattutto si è industriato nel suggerire siti specializzati nella preparazione di malefici: «È roba stomachevole suggerita ai giovani per vendicarsi di un torto contro il direttore di reparto o contro la ragazza che ti ha fregato il fidanzato. Ecco una porta del male che, socchiusa, il diavolo poi apre entrando nella mente e nel cuore dei singoli. Tutti a rischio perché queste schifezze le vendono pure nei mercati e nei centri commerciali», ha dichiarato fra Benigno, uno degli esorcisti. Parbleu! Poco mancava che aggiungesse che con Amazon li ricevi a casa in un giorno! Non ho l’ardire di commentare queste rivelazioni: chi son io per contestare le dichiarazioni di un frate, addirittura esorcista? Un signor nessuno, devo riconoscerlo. Anzi, sono grato per le dritte che ci offre perché ha altresì rivelato – testuale – che Satanasso «spesso appare con le sembianze di una persona gentile promettendo guarigioni e soluzioni».

… beh, almeno al momento non ci sono campagne elettorali in vista!

*http://www.corriere.it/cronache/15_febbraio_04/convegno-esorcisti-diavolo-imbroglione-monreale-2f51c9f2-aca8-11e4-88df-4d6b5785fffa.shtml

L’immagine è estrapolata da http://sahara-experience.com/wp-content/uploads/2014/04/mperzouga-desert-camp.jpg Il blogger s’impegna all’immediata rimozione, previa segnalazione dell’Autore, qualora violasse le norme di copyrigh.
Ti è piaciuto l'articolo? Puoi condividerlo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: