Ignorante con Stile
Ironia: vaccino senza controindicazioni

La giusta mercede


Il pagamento di Giuda

La mia apatia mentale raramente riesce ad essere scossa da eventi o notizie degne di nota: il grasso che cola mi ammorba le sinapsi, intasandole. Di contro però lubrifica ben altri apparati corporei, consentendomi di ricevere le soddisfazioni lavorative con maggior compartecipazione. A proposito di lavoro, la notizia dei 1800 euro in più nella busta paga dei dipendenti della Ferrero, pubblicata su La Stampa di ieri, ha il gran pregio di scalfire la coltre di indolenza che regna incontrastata nella mia testa bacata.

Mi chiedo come sia possibile deliberare un’elargizione tanto cospicua a chi dovrebbe lavorare praticamente gratis per la sola soddisfazione di appagare l’umanità, producendo un bene che rende felici le persone, le fa sorridere e star meglio. I dipendenti pubblici, per esempio, lavorano – sempre ammesso che sia corretto l’uso del termine nel loro caso – per far dannare i cittadini. Li costringono a code estenuanti; a produrre incartamenti inutili; a pagare bolli, tasse, balzelli, multe; a logorarsi dall’invidia perché non hanno il posto fisso come gli odiati impiegati del pubblico, raccomandati e scansafatiche. Dare un premio ai dipendenti aziendali che lavorano per la felicità universale, perché tale è il piacere derivante dal consumo di Nutella, lasciando invece a bocca asciutta quelli pubblici, attesta implicitamente che far star male i cittadini sia un valore aggiunto più che bastevole a compensare il mancato riconoscimento pecuniario.

Va detto che c’è chi sostiene che anche la Pubblica Amministrazione premi i lavoratori meritevoli. Eccome. Solo che il riconoscimento non è reso noto. Neppure al diretto interessato. Il lavoratore che si abnega per la collettività, la mosca bianca della PA, l’indefesso servitore dello Stato… non se ne rende conto, ne è completamente all’oscuro. Passerà l’intera sua esistenza impiegatizia senza accorgersene: nessun aumento di stipendio, nessun avanzamento di carriera, nessun riconoscimento dei propri meriti, nessun coinvolgimento nell’entourage di chi conta politicamente.

Per paradossale che possa sembrare, il premio consiste proprio in questo.

Giotto, Il pagamento di Giuda, Cappella degli Scrovegni, Padova
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: